Notizie

14-07-2020
Quarto pagamento indennità una tantum di 250,00 euro per il ristoro dei costi connessi all'acquisto di strumenti e/o servizi utili allo svolgimento della didattica a distanza attivata a fronte della mancata erogazione delle lezioni in presenza
 
comunicato_585_260

Con Decreto dirigenziale n. 717del 13/07/2020 è stato ordinato il quarto pagamento dell’indennità una tantum di 250,00 euro per il ristoro dei costi connessi all’acquisto di strumenti e/o servizi utili allo svolgimento della didattica a distanza attivata a fronte della mancata erogazione delle lezioni in presenza.

Il pagamento è stato ordinato in favore:

  • di n. 4.465studenti di cui al file allegato,che hanno inoltrato istanza fino al giorno8luglio 2020 e che trovano corrispondenza con i nominativi trasmessi dagli atenei, in quanto in possesso dei requisiti di reddito e di merito di cui alla Legge 232/2016, commi 255, 256 – no tax area;
  • di 108 studenti di cui al file allegato, la cui istanza era stata già valutata come pagabile nei precedenti decreti, ma che risultavano sospesi per comunicazione di IBAN errato, i quali hanno provveduto alla modifica del codice IBAN con altro codice corretto.

L’importo complessivo liquidato è pari ad € 1.143.250,00.

Non è possibile procedere al pagamento:

  • in favore dei 62 studenti di cui al file allegato,istruiti con il decreto 717 del 13/07/2020, i quali, pur risultando aventi diritto all’indennità, hanno comunicato un codice IBAN formalmente errato;
  • in favore di 97 candidati di cui al file allegato, la cui istanza era stata già valutata come pagabile nei precedenti decreti, ma che risultavano sospesi per comunicazione di IBAN errato, i quali non hanno provveduto alla modifica del codice IBAN oppure hanno provveduto, ma il nuovo codice è nuovamente errato.

Nei prossimi giorni, all’esito delle consuete operazioni bancarie di trasferimento, le somme saranno accreditate sui rispettivi IBAN. Gli studenti, dunque, sono invitati ad attendere fino al giorno 24 luglio2020 prima di rivolgersi al servizio informazioni dell’Azienda.

Si comunica sin da ora che qualora l’accredito non dovesse avvenire entro dieci giorni dalla pubblicazione del presente avviso è possibile che il codice IBAN comunicato sia errato, sia corrispondente ad un conto chiuso, sia corrispondente ad una carta scaduta o di cui è stato superato il plafond di incasso o che non è abilitata a ricevere somme. In tali casi l’importo di € 250,00 sarà restituito all’azienda e sarà rimesso successivamente in pagamento, previa modifica del codice IBAN, da parte degli studenti interessati, nell’apposita sezione “Comunicazione IBAN” dello Sportello studente, accessibile dalla pagina dei Servizi online con le credenziali ottenute in fase di accreditamento.

A breve sarà pubblicato l’elenco degli studenti per i quali il pagamento, pur essendo stato effettuato, non è andato a buon fine per problemi relativi all’IBAN comunicato.

Nell’Elenco qui scaricabile sono contenuti tutti gli studenti che hanno inoltrato istanza fino alle ore 24:00 del 08/07/2020 e che sono stati valutati come non in possesso dei requisiti previsti nell’avviso pubblicato su questo sito web: https://www.adisurcampania.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_189_12_3.html.

Si comunica, infine, che successivi pagamenti saranno effettuati periodicamente e che di ciascuno sarà data notizia mediante pubblicazione di avviso su questo sito web.

Per eventuali informazioni si prega di contattare unicamente i seguenti indirizzi email:

borsecra1@adisurcampania.it per gli atenei aventi sede nel Comune di Napoli;

borsecra2@adisurcampania.it per gli atenei aventi sede nelle Province di Benevento e Salerno;

borsevanvitelli@adisurcampania.it per l’Università Vanvitelli.

L'abnormità delle mail che pervengono quotidianamente rende impossibile ottenere una risposta in giornata. Pertanto, tutti sono pregati di attendere e di scrivere una sola volta al servizio preposto, anche al fine di non incrementare ulteriormente il numero di richieste di assistenza.

 

 

Condividi